Hurricane

Pistol shots ring out in the bar-room night
Enter Patty Valentine from the upper hall
She sees a bartender in a pool of blood
Cries out, “My God, they killed them all”

Here comes the story of the Hurricane
The man the authorities came to blame
For somethin’ that he never done
Put in a prison cell, but one time he could’ve been
The champion of the world

Three bodies upside down, does Patty see
And another man named Bello movin’ around mysteriously
“I didn’t do it,” he says and he throws up his hands
“I was only robbin’ the register, I hope you understand”

“I saw them leavin'”, he says and he stops
One of us said, “Better call up the cops”
And so Patty calls the cops
And they arrive on the scene with their red lights flashin’
In the hot New Jersey night

Meanwhile, far away in another part of town
Rubin Carter and a couple of friends are drivin’ around
Number one contender for the middle-weight crown
Had no idea what kinda shit was about to go down

When a cop pulled him over to the side of the road
Just like the time before and the time before that
In Paterson that’s just the way things go
If you’re black you might as well not show up on the street
‘Less you wanna draw the heat

Alfred Bello had a partner and he had a rap for the cops
Him and Arthur Dexter Bradley were just out prowlin’ around
He said, “I saw two men runnin’ out, they looked like middle-weights
Jumped into a white car without of state plates”

And Miss Patty Valentine just nodded her head
Cop said, “Wait a minute, boys, this one’s not dead”
So they took him to the infirmary and though this man could hardly see
They told him, he could identify the guilty men

Four in the mornin’, and they haul Rubin in
They took him to the hospital and they brought him upstairs
The wounded man looks up through his one dyin’ eye
Says, “Why’d you bring him in here for he ain’t the guy”

Here’s the story of the Hurricane
The man the authorities came to blame
For somethin’ that he never done
Put in a prison cell, but one time he could’ve been
The champion of the world

Four months later, the ghettos are in flame
Rubin’s in South America, fightin’ for his name
While Arthur Dexter Bradley’s still in the robbery game
And the cops are puttin’ the screws to him
Lookin’ for somebody to blame

Remember that murder that happened in a bar
Remembered you said you saw the get away car
You think you’d like to play ball with the law
Think it might’ve been that fighter that you saw runnin’ that night
Don’t forget that you are white

Arthur Dexter Bradley said, “I’m really not sure”
The cops said, “A poor boy like you could use a break
We’ve got you for the motel job and we’re talkin’ to your friend Bello
You don’t wanta have to go back to jail, be a nice fellow”

You’ll be doin’ society a favor
That son of a bitch is brave and gettin’ braver
We want to put his ass in stir
We want to pin this triple murder on him
He ain’t no Gentleman Jim

Rubin could take a man out with just one punch
But he never did like to talk about it all that much
“It’s my work”, he’d say “And I do it for a pay
And when it’s over just as soon go on my way”

Up to some paradise
Where the trout streams flow and the air is nice
And ride a horse along the trail
But then they took him to the jail house
Where they try to turn a man into a mouse

All of Rubin’s cards were marked in advance
The trial was a pig-circus, he never had a chance
The judge made Rubin’s witnesses drunkards from the slums
To the white folks who watched, he was a revolutionary bum

And to the black folks he was just a crazy nigger
No one doubted that he pulled the trigger
And though they could not produce the gun
The D.A. said he was the one who did the deed
And the all white jury agreed

Rubin Carter was falsely tried
The crime was murder “One” guess who testified?
Bello and Bradley and they both baldly lied
And the newspapers, they all went along for the ride

How can the life of such a man
Be in the palm of some fool’s hand?
To see him obviously framed
Couldn’t help but make me feel ashamed
To live in a land where justice is a game

Now, all the criminals in their coats and their ties
Are free to drink Martinis and watch the sun rise
While Rubin sits like Buddha in a ten foot cell
An innocent man in a living hell

Yes, that’s the story of the Hurricane
But it won’t be over till they clear his name
And give him back the time he’s done
Put in a prison cell, but one time he could’ve been
The champion of the world

§

Colpi di pistola risuonano nel bar notturno

entra Patty Valentine dal ballatoio

vede il barista in una pozza di sangue

grida “Mio Dio! Li hanno uccisi tutti!”

Ecco la storia di “Hurricane”

l’uomo che le autorità incolparono

per qualcosa che non aveva mai fatto

lo misero in prigione ma un tempo egli sarebbe potuto diventare

il campione del mondoPatty vede tre corpi giacere a terra

ed un altro uomo di nome Bello muoversi attorno in modo misterioso

“Non sono stato io” dice l’uomo alzando le mani

“Stavo solo rubando l’incasso, spero che tu comprenda.

Li ho visti uscire”, dice concludendo,

“Meglio che uno di noi chiami la polizia”

E così Patty chiama la polizia

che arriva sulla scena con i suoi lampeggianti rossi

Nella calda notte del New Jersey

Intanto lontano in un’altra parte della città

Rubin Carter ed un paio di amici stanno facendo un giro in auto

sfidante numero uno per la corona dei pesi medi

non aveva nessuna idea di che tipo di guaio stava per succedere

quando un poliziotto lo fa accostare al lato della strada

proprio come la volta prima e la volta prima ancora

a Paterson questo è il modo in cui vanno le cose

se sei negro è meglio che non ti faccia nemmeno vedere per strada

o ti incastrano

Alfred Bello aveva un socio e aveva un conto in sospeso con la polizia

Lui ed Arthur Dexter Bradley vagavano in cerca di preda

disse “Ho visto due uomini uscire di corsa, sembravano pesi medi,

sono saltati su una macchina con targa di un altro stato”

E miss Patty Valentine fece solo di sì con la testa

Il poliziotto disse “Aspettate ragazzi, questo qui non è morto!”

Così lo portarono al prono soccorso

e sebbene quell’uomo vedesse a fatica

gli dissero che avrebbe potuto identificare il colpevole

Alle quattro del mattino fermano Rubin

e lo portano all’ospedale, gli fanno salire le scale

il ferito gli dà un’occhiata con la vista appannata

e dice “Cosa lo avete portato a fare qui? Non è lui l’uomo!”

Ecco la storia di “Hurricane”

l’uomo che le autorità incolparono

per qualcosa che non aveva mai fatto

lo misero in prigione ma un tempo egli sarebbe potuto diventare

il campione del mondo

Quattro mesi più tardi i ghetti sono in fiamme

Rubin è in Sud America a combattere per il suo nome

mentre Arthur Dexter Bradley è ancora in ballo per l’affare della rapina

E i poliziotti gli stanno alle costole

cercando qualcuno da incolpare

“Ricordi quell’omicidio avvenuto in un bar?”

“Ricordi di aver detto di aver visto la macchina fuggire?”

“Pensi di voler collaborare con la legge?”

“Credi che potrebbe essere stato quel pugile

Quello che tu hai visto scappare quella notte?”

“Non dimenticare che tu sei un bianco!”

Arthur Dexter Bradley disse “Non ne sono veramente certo”

I poliziotti dissero “Un povero ragazzo come te

Potrebbe avere un’occasione”

“Noi ti abbiamo in pugno per quell’affare del motel

E stiamo discutendo col tuo amico Bello”

“Ora tu non vorrai dover tornare in prigione, fai il bravo”

“Farai un favore alla società,

Quello è un figlio di puttana”

“Vogliamo mettere il suo culo in prigione”

“Vogliamo affibbiargli questo triplice omicidio”

“Non è mica Gentleman Jim”

Rubin avrebbe potuto far fuori un uomo con un pugno

ma non gli era mai piaciuto parlare troppo di questo

“È il mio lavoro”, diceva “E lo faccio per i soldi”

“E quando sarà finito me ne andrò veloce per la mia strada

su in qualche paradiso della natura

dove nuotano branchi di trote e l’aria è limpida

e dove si può fare una corsa a cavallo lungo i sentieri”

Ma poi lo hanno messo in prigione

dove cercano di trasformare un uomo in topo

Tutte le carte di Rubin erano segnate fin dall’inizio

il processo fu una farsa, egli non ebbe mai una sola possibilità

il giudice fece passare i testimoni per Rubin per ubriaconi degli “slums”

Per la gente bianca che osservava lui era un vagabondo rivoluzionario

e per i negri era solo un negro pazzo

nessun dubbio che fosse stato lui a premere il grilletto

e sebbene non fosse stato possibile produrre l’arma del delitto

il Pubblico Ministero disse che aveva compiuto lui l’omicidio

e la giuria composta esclusivamente da bianchi fu d’accordo

Rubin Carter fu processato con l’imbroglio

l’accusa fu omicidio di primo grado, indovinate chi testimoniò?

Bello e Bradley ed entrambi mentirono sfacciatamente

e tutti i giornali si gettarono a pesce sulla notizia.

Come può la vita di un tale uomo

essere nelle mani di gente così folle?

Nel vederlo così palesemente incastrato

mi sono vergognato di vivere in un paese

dove la giustizia è un gioco

Ora tutti quei criminali in giacca e cravatta

sono liberi di bere Martini e guardare l’alba

mentre Rubin siede come Budda in una cella di pochi metri

un innocente in un inferno vivente

Questa è la storia di Hurricane

ma non sarà finita finché non riabiliteranno il suo nome

e gli ridaranno indietro gli anni che ha perduto

Lo misero in galera ma un tempo sarebbe potuto diventare

il campione del mondo

BOB DYLAN  E JACQUES LEVY

 

Annunci
Published in: on maggio 15, 2014 at 07:48  Comments (3)  

Mr. Tambourine Man

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Though I know that evenin’s empire has returned into sand,
Vanished from my hand,
Left me blindly here to stand but still not sleeping.
My weariness amazes me, I’m branded on my feet,
I have no one to meet
And the ancient empty street’s too dead for dreaming.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Take me on a trip upon your magic swirlin’ ship,
My senses have been stripped, my hands can’t feel to grip,
My toes too numb to step, wait only for my boot heels
To be wanderin’.
I’m ready to go anywhere, I’m ready for to fade
Into my own parade, cast your dancing spell my way,
I promise to go under it.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Though you might hear laughin’, spinnin’, swingin’ madly across the sun,
It’s not aimed at anyone, it’s just escapin’ on the run
And but for the sky there are no fences facin’.
And if you hear vague traces of skippin’ reels of rhyme
To your tambourine in time, it’s just a ragged clown behind,
I wouldn’t pay it any mind, it’s just a shadow you’re
Seein’ that he’s chasing.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

Then take me disappearin’ through the smoke rings of my mind,
Down the foggy ruins of time, far past the frozen leaves,
The haunted, frightened trees, out to the windy beach,
Far from the twisted reach of crazy sorrow.
Yes, to dance beneath the diamond sky with one hand waving free,
Silhouetted by the sea, circled by the circus sands,
With all memory and fate driven deep beneath the waves,
Let me forget about today until tomorrow.

Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
I’m not sleepy and there is no place I’m going to.
Hey! Mr. Tambourine Man, play a song for me,
In the jingle jangle morning I’ll come followin’ you.

§

Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Non ho sonno e non c’è nessun posto dove andare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Nel mattino tintinnante ti seguirò
Sebbene io so che l’impero della sera si è trasformato in sabbia
Svanito dalle mie mani
resto qui cieco ma ancora insonne
la mia stanchezza mi stupisce, sono fisso sui miei piedi
non ho nessuno da incontrare
e la vecchia strada vuota è troppo morta per sognare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Non ho sonno e non c’è nessun posto dove andare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Nel mattino tintinnante ti seguirò
Portami in un viaggio sulla tua magica nave turbinante
i miei sensi sono spogli, le mie mani non hanno presa
le dita dei miei piedi troppo intorpidite per camminare
aspettano solo i tacchi dei miei stivali per vagabondare
Sono pronto per andare dovunque, sono pronto a svanire
nella mia parata personale, lancia il tuo incantesimo danzante,
prometto di sottopormici
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Non ho sonno e non c’è nessun posto dove andare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Nel mattino tintinnante ti seguirò
Sebbene tu senta ridere, ruotare, dondolare follemente attraverso il sole
ciò non è indirizzato a nessuno, semplicemente sta scappando di corsa
e tranne che il cielo non trova barriere
E se tu senti vaghe tracce di mulinelli di rime saltellanti
al tempo del tuo tamburino, non è altro che un lacero pagliaccio
Fosse per me non gli presterei alcuna intenzione, vedi bene che è solo
un’ombra quella che insegue
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Non ho sonno e non c’è nessun posto dove andare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Nel mattino tintinnante ti seguirò
Allora fammi scomparire tra gli anelli di fumo della mia mente
giù nelle brumose rovine del tempo, lontano dalle foglie gelate
dai terrifici alberi infestati dai fantasmi, su spiagge ventose,
fuori dal corso attorcigliato del folle dolore
Sì, danzare sotto il cielo adamantino con una mano che fluttua libera
stagliata contro il mare, con intorno un cerchio di sabbia,
con i ricordi ed il destino persi nelle onde
lasciami scordare l’oggi fino a domani
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Non ho sonno e non c’è nessun posto dove andare
Hey! Signor Tamburino, suonami una canzone
Nel mattino tintinnante ti seguirò

BOB DYLAN

Just like a Woman

Nobody feels any pain
Tonight as I stand inside the rain
Ev’rybody knows
That Baby’s got new clothes
But lately I see her ribbons and her bows
Have fallen from her curls
She takes just like a woman, yes she does
She makes love just like a woman, yes she does
And she aches just like a woman
But she breaks just like a little girl.

Queen Mary, she’s my friend
Yes, I believe I’ll go see her again
Nobody has to guess
That Baby can’t be blessed
Till she finally sees that she’s like all the rest
With her fog, her amphetamine and her pearls
She takes just like a woman, yes she does
She makes love just like a woman, yes she does
And she aches just like a woman
But she breaks just like a little girl.

It’s was raining from the first
And I was dying there of thirst
So I came in here
And your long-time curse hurts
But what’s worse
Is this pain in here
I can’t stay in here
Ain’t it clear that.

I just can’t fit
Yes, I believe it’s time for us to quit
When we meet again
Introduced as friends
Please don’t let on that you knew me when
I was hungry and it was your world
Ah, you fake just like a woman, yes you do
You make love just like a woman, yes you do
Then you ache just like a woman
But you break just like a little girl.

§
PROPRIO COME UNA DONNA
Nessuno non ha sofferenze
Stanotte mentre sto sotto la pioggia
tutti sanno
che Baby ha dei nuovi vestiti
ma di recente ho visto che i suoi nastri e i suoi fiocchi
sono caduti dai suoi riccioli
Lei parla proprio come una donna
Lei fa l’amore proprio come una donna, si, è così
e lei fa soffrire proprio come una donna
ma lei va in crisi proprio come una bimba.

La regina Mary é mia amica
Si, credo che andrò ancora a trovarla
Nessuno deve credere
che Baby non può essere benedetta
fino a che lei non si accorga di essere come tutti gli altri
con la sua nebbia, le sue anfetamine e le sue perle
Lei parla proprio come una donna
Lei fa l’amore proprio come una donna, si, è così,
e lei fa soffrire proprio come una donna
ma lei va in crisi proprio come una bimba.

Stava piovendo dall’inizio
e stavo morendo di sete
cosi sono entrato
e la tua antica maledizione ferisce
ma quello che é peggio
è questa sofferenza
Non posso restare qui
è chiaro
che proprio non ci riesco
sì credo sia l’ora di lasciarci
quando ci incontreremo ancora
presentati come amici
per favore non far capire che mi conoscevi quando
io ero affamato, e quello era il tuo mondo
ah tu fingi proprio come una donna, sì
tu fai l’amore proprio come una donna, sì, è così,
poi fai soffrire proprio come una donna
ma vai in crisi come una bimba.

BOB DYLAN

Knockin’ on Heaven’s Door

Mama take this badge from me
I can’t use it anymore
It’s getting dark too dark to see
Feels like I’m knockin’ on heaven’s door

Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door

Mama put my guns in the ground
I can’t shoot them anymore
That cold black cloud is comin’ down
Feels like I’m knockin’ on heaven’s door

Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door
Knock-knock-knockin’ on heaven’s door

§

BUSSANDO ALLA PORTA DEL PARADISO

Mamma, strappami di dosso questo distintivo
Non posso usarlo più
Sta diventando buio
Troppo buio per vedere
Mi fa sentire come
Se stessi bussando alla porta del paradiso

Bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso

Mamma, seppellisci le mie pistole
Non posso più sparare a loro
Quella lunga nuvola nera sta venendo giù
Mi fa sentire come
Se stessi bussando alla porta del paradiso

Bussando alla porta del paradiso
Bussando alla porta del paradiso

BOB DYLAN

Published in: on gennaio 2, 2011 at 07:31  Comments (2)  
Tags: , , , , , ,

Like a rolling stone

Once upon a time you dressed so fine
You threw the bums a dime in your prime, didn’t you?
People’d call, say, “Beware doll, you’re bound to fall”
You thought they were all kiddin’ you
You used to laugh about
Everybody that was hangin’ out
Now you don’t talk so loud
Now you don’t seem so proud
About having to be scrounging for your next meal.
How does it feel
How does it feel
To be without a home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?
You’ve gone to the finest school all right, Miss Lonely
But you know you only used to get juiced in it
And nobody has ever taught you how to live on the street
And now you find out you’re gonna have to get used to it
You said you’d never compromise
With the mystery tramp, but now you realize
He’s not selling any alibis
As you stare into the vacuum of his eyes
And ask him do you want to make a deal?
How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?
You never turned around to see the frowns on the jugglers and the clowns
When they all come down and did tricks for you
You never understood that it ain’t no good
You shouldn’t let other people get your kicks for you
You used to ride on the chrome horse with your diplomat
Who carried on his shoulder a Siamese cat
Ain’t it hard when you discover that
He really wasn’t where it’s at
After he took from you everything he could steal.
How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?
Princess on the steeple and all the pretty people
They’re drinkin’, thinkin’ that they got it made
Exchanging all kinds of precious gifts and things
But you’d better lift your diamond ring, you’d better pawn it babe
You used to be so amused
At Napoleon in rags and the language that he used
Go to him now, he calls you, you can’t refuse
When you got nothing, you got nothing to lose
You’re invisible now, you got no secrets to conceal.
How does it feel
How does it feel
To be on your own
With no direction home
Like a complete unknown
Like a rolling stone?

§

COME UNA PIETRA CHE ROTOLA

Una volta ti vestivi così elegante

gettavi una monetina ai pezzenti nella primavera dei tuoi anni, non è vero?

la gente ti chiamava dicendo “Attenzione piccola, stai per arrivare al tramonto”

Tu credevi che si prendessero gioco di te

ed eri solita ridere di tutti quelli con cui stavi

Adesso non parli più a voce alta

ora non sembri così orgogliosa

di dover scroccare il tuo prossimo pasto

Come ci si sente

come ci si sente

a non avere una casa

come un completo sconosciuto

come una pietra che rotola?

Tu hai frequentato le migliori scuole, Signorina Solitaria,

ma ne hai imparato solo il succo

e nessuno ti ha mai insegnato come vivere in strada

ed ora scopri che devi abituarti alla situazione

Hai detto che non sei mai scesa a compromessi

con il misterioso vagabondo, ma ora comprendi

che non ti sta concedendo alcun alibi

mentre tu guardi nel vuoto dei suoi occhi

e gli chiedi ‘vuoi fare un affare’?

Come ci si sente

come ci si sente

a starsene per conto proprio

senza fissa dimora

come un completo sconosciuto

come una pietra che rotola?

Non ti sei mai guardata intorno per vedere le espressioni accigliate

sulle facce dei giocolieri e dei clown

quando venivano giù e ti facevano gli scherzi

non hai mai capito che non era una cosa bella

non hai mai lasciato che altre persone si prendessero i calci destinati a te

eri abituata ad andare a spasso sul cavallo cromato con il tuo diplomatico

che portava sulle spalle un gatto siamese

non era duro scoprire

che lui non era dove diceva di essere

e dopo prendeva tutto ciò che poteva rubarti?

Come ci si sente

come ci si sente

a starsene per conto proprio

senza fissa dimora

come un completo sconosciuto

come una pietra che rotola?

La principessa sul trono e tutta la bella gente

sta bevendo e pensando che è merito suo

se ci si scambia cose preziose e doni

ma è meglio che tu tiri fuori il tuo anello di diamanti, piccola, e che lo impegni

Eri così divertita

dal Napoleone vestito di stracci e dal linguaggio che usava…

va da lui ora, ti chiama, non puoi rifiutarti

quando tu non hai nulla, non hai nulla da perdere

sei invisibile ora, non hai più segreti da nascondere

Come ci si sente

come ci si sente

a starsene per conto proprio

senza fissa dimora

come un completo sconosciuto

come una pietra che rotola?

BOB DYLAN

Blowin’ in the Wind

How many roads
must a man
walk down
before you call him
a man?
Yes, how many seas
must a white
dove sail
before she sleeps
in the sand?
Yes, how many times must the
cannon balls fly
before they’re forever
banned?
The answer, my friend,
is blowin’ in the wind,
the answer is blowin’
in the wind.
How many years
can a mountain
exist
before it’s washed
to the sea?
Yes, how many years
can some people
exist
before they’re allowed
to be free?
Yes, how many times
can a man
turn his head
Pretending he just
doesn’t see?
The answer, my friend,
is blowin’ in the wind,
the answer is blowin’
in the wind.
How many times
must a man
look up
before he can see
the sky?
Yes, how many ears must one
man have
before he can hear
people cry?
Yes, how many deaths
will it take
till he knows
that too many people
have died?
The answer, my friend,
is blowin’ in the wind,
the answer is blowin’
in the wind.

§

Quante strade deve percorrere un uomo
prima che tu possa chiamarlo uomo?
E quanti mari deve navigare una bianca colomba
prima di dormire sulla sabbia?
E quante volte devono volare le palle di cannone
prima di essere proibite per sempre?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.
E quanti anni può esistere una montagna
prima di essere erosa dal mare?
E quanti anni possono gli uomini esistere
prima di essere lasciati liberi?
E quante volte può un uomo volgere lo sguardo
e fingere di non vedere?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.
E quante volte deve un uomo guardare in alto
prima di poter vedere il cielo?
E quanti orecchi deve avere un uomo
prima di poter sentire gli altri che piangono?
E quante morti ci vorranno prima che lui sappia
che troppi sono morti?
La risposta, amico mio, soffia nel vento,
la risposta soffia nel vento.

BOB DYLAN


Published in: on gennaio 1, 2010 at 06:55  Comments (2)  
Tags: , , , , , , , , , , , ,