A che serve la poesia? Può servire.

Vi faccio un esempio.

Prendete una coppia che va abbastanza bene:

due o tre lustri di convivenza

casa figli interessi comuni.

I coniugi però, non essendo nè sordi nè orbi

nè privi di altri sensi

naturalmente non immuni

dal notare che il mondo è pieno di persone attraenti

dell’altro sesso

di cui alcune, per circostanze favorevoli,

sarebbero passibili di un  incontro a letto.

Sorge allora un problema che propone tre soluzioni.

La prima è la tradizionale repressione

non concupire eccetera non appropriarti dell’altrui proprietà

per cui il coniuge viene equiparato a un comò

Luigi XVI o a un televisore a colori

o a un qualsiasi oggetto di un certo valore

che non sarebbe corretto rubare.

La seconda soluzione è l’adulterio

altrettanto tradizionale

che crea una quantità di complicazioni

la lealtà (glielo dico o non glielo dico?)

lo squallore di motel occasionali

la necessità di costruire marchingegni di copertura

che non eliminano la paura

di fastidiose spiegazioni.

La terza soluzione è senza dubbio la più pratica

Si prendono i turbamenti e i sentimenti

le emozioni e le tentazioni

si mescolano bene si amalgama l’immagine

con un brodo di fantasia

e ci si fa su una poesia

che si mastica e si sublima

fino a corretta stesura sulla macchina da scrivere

e infine si manda giù

si digerisce con un pò di amaro

d’erbe naturali

e poi non ci si pensa più.

JOYCE LUSSU

The URI to TrackBack this entry is: https://cantierepoesia.wordpress.com/2010/11/21/a-che-serve-la-poesia-puo-servire/trackback/

RSS feed for comments on this post.

6 commentiLascia un commento

  1. E’ di una ironia sagace che fa sorridere ma anche un poco pensare ..forse ,a volte ,è così.Tinti

  2. Ironia e sagacia unita ad un pizzico di amara verità ed ecco che la Poesia diventa una “medicina naturale” che fa bene quanto un digestivo. Originale e grande Lussu.
    Roberta

  3. se fossi ipocrita la definirei “amara”…ma è invece sottile verità raccontata in modo originale e simpatico.

  4. non so spiegarlo,ma non mi piace,senza dopio l’autore stanotte dormirà lo stesso…
    maria

  5. non so spiegarlo,ma non mi piace,senza dubbio,l’autore
    se ne farà una ragione.
    correggo il refuso del commento precedente di cui mi scuso
    maria

  6. Ha ben altri scopi la poesia, che non proporre soluzioni ad adulteri desideri.Il compito di colui che scrive versi è ben più alto.

    Riporto una frase che mi ha colpito per delineare il concetto:

    I poeti restituscono nelle parole le emozioni che altri credevano d’aver perduto…
    Questi le riscoprono e l’assalto di commozione é tale da essere liberatorio dal peso della fuliggine che si era depositata sul loro cuore. (Fabio Privitera)

    Michela

    


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: